Home / le mostre delle officine

le mostre delle officine

Moto in divisa (2010)

moto in divisa 2010 Pagina 11
« 1 di 49 »

Ancora una volta il Registro Storico Benelli e il Moto Club Pesaro “T. Benelli” puntano sulla cultura, poiché scopo dei due sodalizi e del museo delle Officine Benelli non è solo conservare motociclette ma divulgare cultura. Dopo un periodo primaverile costellato di interessanti raduni motociclistici in giro per l’Italia ecco l’annuale mostra estiva, organizzata con la collaborazione dell’associazione “The Green Liners” e denominata “Moto in Divisa”: un esposizione di mezzi militari dagli anni Dieci ai giorni nostri, ospitata nella sala “Giuseppe Benelli”delle Officine Benelli di via Mameli. Sei diorami, una cinquantina di motoveicoli, fotografie e riviste raccontano l’evoluzione e la storia delle motociclette legate alle forze armate. I diorami che rappresentano la Prima guerra mondiale, la campagna di Russia, la campagna d’Africa e la Linea Gotica – il cui allestimento è stato curato da Lucio Cecchetti, appassionato collezionista fanese - sono talmente reali e coinvolgenti che il visitatore chiudendo gli occhi si trova magicamente proiettato in prima linea. Il quinto diorama: la consegna di mezzi militari Benelli al Regio Esercito permette di ammirare gli storici edifici della fabbrica demoliti negli anni Ottanta. Il sesto diorama rappresenta una officina militare e vede un soldato-meccanico intento alla riparazione di una motocicletta Frera danneggiata. Come sempre un appuntamento da non perdere. Paolo Prosperi Presidente Registro Storico Benelli

Il "48" della Benelli (2009)

48 benelli
« 1 di 21 »

In esposizione dal 5 luglio al 24 settembre tutta la produzione Benelli e MotoBi dagli anni cinquanta ai giorni nostri. Punto di partenza della mostra, ospitata all?interno della storica palazzina, sono due gigantografie che ritraggono un prototipo di ciclomotore della Benelli del primo dopoguerra è uno della MotoBi, il B44 del 1954. Il percorso espositivo, che conta circa una settantina di ciclomotori e propone tra l?altro alcuni diorami-molto curata la scenografia- risulta scandito sia dagli anni sia dalle vicissitudini della casa pesarese e rappresenta un tutto nel passato, una rapida carrellata in un mondo quasi sconosciuto per i più giovani e di ricordi per i meno giovani. A completare l'esposizione anche cataloghi, filmati d'epoca, fotografie, giocattoli, manichini, poster. Un appuntamento , come sempre , da non perdere. Orario mostra: da Lunedì al Venerdì dalle 17,00 alle 23,00 Sabato dalle 17,00 alle 20,00 Domenica chiuso Ingresso libero

MotoBi

motobi,-l'aristocratica-fra-le-moto

 

Motomania e le Sottocanna (2008)

motomania
« 1 di 14 »

 

Marche in Moto (2007)

marche-in-moto
marche-in-moto
« 1 di 59 »

La mostra rappresenta un interessante percorso espositivo che prende in esame la produzione motociclistica dalle origini alla fine degli anni Venti, quando il serbatoio diviene 'a sella', e la storica palazzina Benelli ospiterà una sessantina di mezzi, che spaziano dal 1897 al 1930. La più datata , il triciclo Phebus del 1897 che usava anche l'illustre dottor Oreste Ruggeri ( in mostra anche la fotografia mentre passeggiava con il 'triciclo' davanti al teatro Rossini), ma anche Douglas, Emblem, F.N. , Griffon, James, Indian, A.J.S, Labor, Gilera, Moto Guzzi, Bianchi, Peugeot, A.B.R.A.,Menon, Monet & Goyon, Motosachoche, Nimbus, N.S.U., Royal Enfield, ROC, Triumph, Rudge, Frera, B.S.A., Scott, OK, Sunbeam,Terott e naturalmente le padrone di casa: Benelli. Alle motociclette sono affiancati cataloghi, fotografie, manichini, targhe metalliche e manifesti pubblicitari, oltre a due caratteristici diorami rappresentanti un'officina meccanica degli anni Venti ed una capanna colonica. Circa 60 Benelli MotoBi (delle 140 abitualmente in esposizione alle Officine Benelli) rimarranno in esposizione nel secondo salone, mentre nella seconda sala d'ingresso l'attuale produzione Benelli Q.J. Un appuntamento da non perdere. inaugurazione sabato 5 luglio alle ore 18,30 orari da lunedì al venerdì dalle 17,00 alle 23,00 sabato dalle 17,00 alle 20,00 domenica chiuso - ingresso libero